Van Gogh, già più di 200mila i visitatori della mostra a Vicenza

La mostra “Van Gogh. Tra il grano e il cielo”, a metà esatta del suo percorso espositivo, ha superato i 205 mila visitatori. E tutto fa supporre che i risultati possano migliorare ancora di qui alla seconda metà di apertura.

Nei 92 giorni di apertura, i visitatori sono stati 205.004, a comporre una media giornaliera di 2228 persone. La maggioranza di loro (59%) ha scelto di giungere alla Basilica Palladiana già munito di prenotazione, avendo quindi la certezza di non incorrere in alcuna coda.

Dato che salta all’occhio è quello dei 47.727 visitatori tra il 26 dicembre e il 7 gennaio, che ha collocato Vicenza al primo posto tra le mostre più frequentate nel periodo delle Festività. Si calcola che la presenza estera pesi attorno al 5 per cento.

Bulgarini d’Elci – Variati – Goldin

Marco Goldin, ideatore, curatore ed organizzatore della grande esposizione vicentina, ha commentato: “Quasi inutile dire la felicità, solo a metà percorso, per i dati che abbiamo presentato oggi a Vicenza. Ma al di là dei numeri, ciò che mi preme di più sottolineare, perché è quanto speravo, è la grande adesione di sentimento e d’anima che il pubblico ha finora dimostrato”.

“Orgoglio, soddisfazione, fiducia che anche i prossimi mesi confermeranno questi straordinari risultati” ha detto il sindaco di Vicenza Achille Variati. “Sono questi i sentimenti che provo nello scorrere gli incredibili numeri totalizzati fin qui dalla mostra su Van Gogh. Abbiamo fatto bene a credere nei grandi eventi curati dal professor Goldin. La città si è fatta conoscere, ha aumentato la propria attrattività ed è diventata essa stessa più forte sotto il profilo culturale. Come sindaco, inoltre, ritengo fondamentale il dato sui 55 mila biglietti prenotati dalle scuole, di cui 28 mila di Vicenza: portare i ragazzi, e soprattutto i bambini, a vedere opere d’arte dovrebbe essere un obbligo istituzionale, perché una generazione che cresce educata alla bellezza offrirà al Paese cittadini migliori”.

 

Lascia un commento

Rispondi