Modificate le tariffe cimiteriali a Schio. Quota uguale per tutti nel segno dell’equità

Il 2018 inizia con una svolta importante sulle tariffe cimiteriali del comune di Schio. Da qui in avanti
infatti, l’ingresso di ogni feretro al cimitero comunale costerà 80 euro per tutti e, quel che è più
interessante, sarà una tantum, cioè dovuto una sola volta.

In precedenza, le tariffe per le manutenzioni cimiteriali gravavano sui proprietari delle tombe di
famiglia nella misura di 60 e 50 euro all’anno, per ogni posto assegnato, rispettivamente a tempo
indeterminato o determinato. C’era anche la possibilità di anticipare il pagamento per 10 anni con
successivo affrancamento annuale.

Fin dal mio insediamento avevo ricevuto molte lamentele per questo sistema tariffario, e in
particolare per i problemi che emergono col passare delle generazioni, a fronte di accordi presi da
chi nel frattempo è spirato” spiega il sindaco Valter Orsi. Di fatto, tra i comuni di una certa
dimensione, Schio era ancora tra i pochi ad applicare questo sistema. La revisione va nel senso
dell’equità e della trasparenza e prevede che tutti coloro che verranno tumulati nei cimiteri cittadini
saranno considerati uguali.

Nel complesso” conclude Orsi “questo riordino porterà un calo di entrate a favore delle casse
comunali, ma la gestione cimiteriale non deve mirare a far cassa, bensì a contribuire al decoro
delle strutture. Inoltre con il nuovo metodo, il costo di gestione verrà spalmato tra tutti gli utenti e,
con una quota sostenuta dal Comune, garantirà la copertura dei servizi di manutenzione (2
persone addette). Infine, toglierà di mezzo una serie di difficoltà interpretative a carico degli eredi
che non di rado si sono trovati a pagare per decisioni prese da altri”.

Il sistema semplificato è in vigore dal 1° gennaio 2018. Anche il regolamento comunale relativo
sarà presto aggiornato con il recepimento delle nuove tariffe.

Lascia un commento

Rispondi