Vaccini, Donazzan critica sulla moratoria decisa da Zaia

L’assessore regionale alla formazione e lavoro Elena Donazzan ha fatto sapere oggi, in un’intervista pubblicata dal Corriere del Veneto, di essere contraria alla moratoria sui vaccini decisa dalla Giunta regionale di Luca Zaia.

“”Se mi avessero coinvolto, avrei tentato di dissuaderli”, ha dichiarato la Donazzan. “Il decreto varato lunedì, che permette l’iscrizione a scuola fino al 2019 dei bambini non vaccinati, rischia di essere un errore: ci mette in una posizione difficile, restituendo un immagine del Veneto che non ci appartiene, aggiunge confusione a confusione, alimenta il panico nelle famiglie e nelle scuole. Purtroppo ho saputo che la Regione avrebbe imposto questa moratoria di due anni solo dai giornali, quando ormai il danno era fatto e restava poco da argomentare tra noi in giunta”.

L’assessore ha detto di essere preoccupata soprattutto per la confusione generata dal corto circuito tra legge dello Stato e legge regionale. E ha sottolineato di aver ricevuto messaggi e telefonate allarmate da presidi, insegnanti e genitori. “Mi chiedono a quali regole devono adeguarsi, se a quelle dello Stato o a quelle della Regione e io, onestamente, non so cosa rispondere loro. È il caos, un caos provocato dallo Stato con un decreto malfatto, una legge ingarbugliata, circolari che chiariscono altre circolari, a cui però adesso pure noi abbiamo dato il nostro “contributo”. Speravo in un inizio d’anno scolastico tranquillo, e invece…”