Lotta allo spreco, recuperate 62 tonnellate di alimenti nel vicentino

Oltre 62 tonnellate di merce recuperate e distribuite nel solo 2016 nel territorio provinciale, di cui ben 23 a Vicenza; 160 tonnellate di frutta e verdura che giungono dalle produzioni agricole in eccedenza grazie a una specifica convenzione con la Prefettura; 6456 famiglie aiutate di cui 2260 in città; 80 associazioni coinvolte.

E’ di grande significato e valore sociale, ambientale ed economico, il bilancio del progetto Rebus che prevede il recupero di eccedenze alimentari per scopi solidali.

Di fronte al supermercato Famila di Parco Città, punto vendita del gruppo Unicomm, partner donatore tra i più attivi e generosi, l’assessore alla comunità e alle famiglie Isabella Sala, il presidente di Unicomm srl Mario Cestaro e il presidente della cooperativa Verlata Lavoro che gestisce il progetto, Giuseppe Barichello hanno fatto il punto sull’iniziativa, in occasione di una delle raccolte quotidiane delle merci donate dalla grande distribuzione.

Le merci, in particolare frutta e verdura e prodotti freschi, vengono infatti periodicamente consegnate alla cooperativa direttamente al magazzino del supermercato, seguendo una procedura standardizzata che consente di attivare la distribuzione prima della scadenza. Ciò permette di rispondere in modo puntuale ai bisogni delle persone che accedono al sostegno alimentare e possono così ampliare e variare la propria alimentazione, evitando in parallelo la produzione di rifiuti dannosi per l’ambiente e costosi in termini di smaltimento.

“Vicenza – è il commento dell’assessore Isabella Sala – grazie al progetto Rebus e alla cooperativa Verlata, crede da sempre nell’importanza di recuperare le eccedenze con benefici plurimi: per le persone che beneficiano di merce varia, fresca, fondamentale per la dieta pensando in particolare alle famiglie con minori; per l’ambiente, non creando nemmeno il “rifiuto”, ma facendo in modo che, come succedeva una volta, non si sprechi il cibo che è elemento prezioso e oserei dire “sacro”. Siamo molto grati a Unicomm, azienda che ha per prima creduto in questo progetto e che ha continuato ad alimentarlo e svilupparlo con nuovi punti vendita dedicati”.

“La collaborazione con Verlata e con l’amministrazione comunale di Vicenza – conclude Mario Cestaro, presidente di Unicomm srl – è un fiore all’occhiello per la nostra azienda: già prima dell’approvazione della legge Gadda nell’estate del 2016, siamo stati tra i precursori all’interno del mondo del commercio nella cessione gratuita delle eccedenze alimentari alle Onlus. La nuova norma ha dato un impulso ulteriore a questa attività di donazione, tanto da portarci quest’anno ad estendere la raccolta alla totalità dei punti vendita in città di Vicenza. L’obiettivo che ci siamo dati è di arrivare presto alla copertura totale anche in provincia. La solidarietà è da sempre al centro del nostro agire, perché la nostra natura è quella di essere un’azienda vicina al territorio e alle sue necessità. Siamo felici di poter donare a chi ha più bisogno, ancor di più in anni di difficoltà e crisi economica per tante famiglie”.