Il Padova pareggia in casa contro la Reggiana

PADOVA-REGGIANA = 0 – 0
PADOVA (4-4-2): Petkovic 6; Dionisi 6.5, Diniz 6.5, Fabiano 6, Favalli 5.5; Ilari 6.5 (45′ s.t. Sbraga s.v.), Bucolo 6, Corti 6, Petrilli 7 (24′ s.t. Mazzocco 6); Neto Pereira 5 (35′ s.t. Cunico s.v.), Altinier 5.5 A disp.: Favaro, Anastasio, Giandonato, Turea, Bearzotti, Aperi. All. Pillon 6
REGGIANA (3-5-2): Perilli 6.5; Spanò 6.5, Sabotic 6, Frascatore 6; Mogos 6 (39′ s.t. Rampi s.v.), Bartolomei 6.5 (7’s.t. Mignanelli 6.5), Parola 6.5, Maltese 5.5, Siega 6; Nolè 5.5 (36′ s.t. Pesenti s.v.), Arma 5. A disp.: Rossini, De Biasi, Loi, Ceccarelli, Giannone. All. Colombo 6
ARBITRO: Pierantonio Perotti di Legnano 6.5
NOTE: Spettatori 4555, di cui 3411 abbonati per un totale incasso di euro 8.559. Ammoniti: Corti, Siega, Cunico. Angoli: 7 a 4 per il Padova. Recupero: 0′ p.t.; 4′ s.t.
Pareggio a reti inviolate tra Padova e Reggiana all’Euganeo dopo una gara equilibrata con un tempo per parte. Buon inizio degli uomini di Pillon, che pressano gli avversari nella propria metàcampo. Ma è la squadra di Colombo a creare il primo pericolo dalle parti di Petkovic con un tiro di Arma ribattuto da Fabiano dal limite dell’area al 5′. Grossa occasione per gli ospiti in contropiede con un bel colpo di testa di Arma fuori di poco su cross di Bartolomei al 7′. Dopo i primi minuti a favore dei biancoscudati sono gli emiliani a fare la partita. Altra occasione ghiotta per gli ospiti con Arma, che da dentro l’area spara addosso a Petkovic al 14′. Per il Padova solo una punizione di Petrilli ribattuta dalla barriera al 17′ ed un colpo di testa di Diniz alto sulla traversa sugli sviluppi di una punizione di Petrilli al 21′. Ancora Reggiana pericolosa con la conclusione di Nolè ribattuta da Fabiano al 23′. Doppia occasione per il Padova al 28′: prima è Petrilli a sfiorare il palo e poi Diniz di testa non inquadra la porta su angolo di Petrilli. Tentativo velleitario di Petrilli dalla distanza con un tiro centrale al 42′. Sull’altro fronte ci prova Mogos da fuori area, ma è attento Petkovic. Ottimo primo tempo per gli emiliani contro un Padova troppo timoroso. Nella ripresa i biancoscudati entrano in campo con più determinazione e dopo solo quaranta secondi di gioco vanno vicinissimi al vantaggio con un gran diagonale di Altinier respinto da Perilli con un balzo felino dopo un bell’assist di Neto Pereira. Nella Reggiana primo cambio al 7′ con il fresco Mignanelli al posto dello stanco Bartolomei. Il Padova insiste e Bucolo calcia malamente sugli sviluppi di un calcio d’angolo di Petrilli al 14′. Si fanno vedere anche gli emiliani al 18′ con una bella azione di Nolè, che dal limite dell’area serve l’accorrente Siega, che non ci arriva per un soffio davanti a Petkovic. La partita scorre lenta senza particolari sussulti e occasioni da rete da una parte e dall’altra. Al 22′ buona iniziativa di Altinier in area di rigore, ma al momento del tiro viene stoppato in angolo. Due minuti dopo esce il migliore dei biancoscudati Petrilli per Mazzocco. Contropiede degli ospiti al 26′ con Mignanelli anticipato in area da Petkovic. La Reggiana esce dal guscio difensivo e prova la via della rete con un missile di Maltese dai trenta metri fuori misura al 33′. Al 37′ occasione per la Reggiana con il neo-entrato Pesenti, che si presenta tutto solo in area, ma è Favalli ad immolarsi di fronte alla sua conclusione a botta sicura. Pillon si gioca la carta Cunico al posto dello spento Neto Pereira negli ultimi dieci minuti. Il Padova sfiora il vantaggio con un gran tiro di Bucolo deviato in angolo fuori di poco al 40′. Al 90′ esordio per Sbraga, nuovo acquisto biancoscudato, al posto di Ilari. I biancoscudati spingono fino alla fine senza risultato con la difesa della Reggiana che regge bene. Sesto risultato utile consecutivo per il Padova di Pillon (due vittorie e quattro pareggi), che non riesce a fare gol contro la miglior difesa del campionato. Con questo pari il Padova sale a quota 24 punti con cinque lunghezze sopra la zona calda della classiifica.