Vicenza stende il Trento Baseball e rimane solo in vetta alla classifica. Domenica derby tra il Ceppo Vicenza e Valbruna Palladio

La settimana scorsa il Trento si vantava di essere primo in classifica sia pure in comproprietà con il Ceppo e allora il calendario propone subito lo scontro al vertice rigorosamente a porte chiuse. Il responso del duello è andato a favore dalla squadra di Carlos Padilla impostasi sul diamante trentino in una interminabile partita (4 ore e 40’) per 18-9.
Il manager vicentino al termine della partita: ” La cosa più importante era giocare perché in questo modo ha avuto l’opportunità di far scendere in campo tutti i componenti della squadra. I postumi della prolungata sosta pandemica evidentemente si sentono ancora e allora spazio al gioco. In effetti questa era solo la seconda partita disputata ed era necessario giocare il più possibile. I ragazzi – continua il tecnico – hanno giocato bene e mai è stato in pericolo il risultato; si sono viste delle buone battute e sul monte sono saliti 4 nostri lanciatori”.
Forse la partita poteva prendere un’altra piega se si fosse premuto sull’acceleratore quando i vicentini al 5° inning erano avanti per 11 a 3; bastava forzare un po’ di più per raggiungere i 10 punti di scarto e tenere il vantaggio fino alla 7^ ripresa così da consentire il termine della gara anzitempo per manifesta superiorità. Alla 3^ ripresa infatti la Gastronomia il Ceppo era già in vantaggio per 11 a 3 con un big inning di 7 punti. Ma, come sottolineava coach Padilla, era importante far giocare tutti e far fare esperienza anche ai giovani che quest’anno ne hanno particolarmente bisogno. Mentre il Ceppo Vicenza alternava i propri lanciatori con una certa regolarità iniziando con Christian Bauit, più in forma rispetto alla volta scorsa, poi Nicolò Mantovani, Giacomo Padilla e infine Massimiliano Andriolo, il Trento non riuscendo ad essere efficace sul monte di lancio ne ha cambiati 6, tutti alla ricerca di mettere in difficoltà le mazze beriche. Infatti il divario sostanziale della partita si è riscontrato nelle battute valide, 10 vicentine contro le 6 trentine e nelle basi su ball concesse: sono state addirittura 26 quelle del Trento e 12 quelle del Ceppo.
Partita interminabile quindi ma saldamente in pugno ai vicentini anche se il Trento ha avuto una reazione nella 6^ ripresa segnando 5 punti. Alla fine però i ragazzi di Carlos Padilla hanno dato la stoccata finale nell’ultima ripresa segnando altri 4 punti. Al Trento l’ultimo punto della partita che fissava il risultato finale sul 18 a 9.
Il ruolo di ricevitore da parte vicentina è stato svolto da Mattia Berton, 3 inning; Luis Uzcategui, 4 inning e da Giovanni Munaretto per le restanti due riprese.
Le 10 battute valide sono state di: Marco Sanguanini, 1 doppio e 2 singoli; Matteo Costa, 1 doppio e 1 singolo; Oscar Zin, 1 doppio; Mattia Berton, 2 singoli ed Ernesto Gallo e Luis Uzcategui con 1 singolo a testa.
Domenica prossima ai Pomari la prima di ritorno con il derby tutto vicentino fra Il Ceppo Vicenza e Valbruna Palladio. L’obiettivo del Ceppo è quello di restare in vetta.