Minaccia moglie e figli con una pistola, arrestato. Trovate in casa altre armi

Alle prime ore di questa mattina i militari della Tenenza Carabinieri di Montecchio Maggiore e del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Vicenza, con il supporto degli altri assetti della Compagnia Carabinieri di Valdagno, hanno tratto in arresto un uomo classe ’81, residente a Sovizzo, per detenzione illegale di arma da fuoco e minacce aggravate.

La Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Valdagno ha ricevuto la telefonata attorno alle 7:30, un uomo con in mano una pistola stava minacciando, nella propria abitazione, la moglie convivente ed i figli. I militari quindi hanno avviato tempestivamente le operazioni e sono giunti sul posto poco dopo al fine di bloccare la situazione di estremo pericolo in atto.

Nel corso dei concitati momenti successivi all’intervento dei militari, la donna ha mantenuto i nervi saldi al Puno di sottrarre la pistola al marito, favorita dalle condizioni di semi incoscienza dell’uomo. Una volta  disarmato è fuggita dall’abitazione con i figli.

I militari hanno proceduto quindi a bloccare l’uomo, intento ad uscire dalla propria abitazione a distanza di pochi minuti. Una volta appurato di non aver più la possibilità di fuggire si è consegnato senza opporre resistenza. 

Nel corso della conseguente perquisizione domiciliare sono state rinvenute due accette ed una mazza da baseball. Tutte le armi sono state poste sotto sequestro.  

L’Autorità Giudiziaria informata dell’avvenuto arresto ha disposto il trasferimento in carcere dell’uomo che dovrà rispondere di minacce aggravate e possesso illegale di arma da fuoco.