Master della cucina italiana, al via l’edizione 2018

Il 16 gennaio, all’inaugurazione della prestigiosa scuola di cucina per futuri chef, ospite d’onore il fotografo, illustratore e pittore Gianni Renna, con un intervento dal titolo “Oltre l’immagine”.

Il Master della Cucina Italiana giunge alla sua sesta edizione e indica, ai futuri cuochi che aspirano a lavorare ad altissimi livelli, una provocatoria, nuova, direzione: andare “Oltre l’immagine”. E’ proprio questo il tema con cui si inaugurerà, martedì 16 gennaio 2018 alle ore 10.45, i 5 mesi di lezione nelle aule, nelle cucine e nei laboratori del Centro Formazione Esac di Creazzo (VI), dove una nuova “brigata di allievi” si appresta ad incontrare un corpo docente d’eccezione: grandi esperti di enogastronomia e management della ristorazione, pasticceri di fama internazionale e una squadra di chef che con i loro ristoranti totalizzano 35 Stelle Michelin.

Anche quest’anno, il Master sarà un lungo percorso di 800 ore nel meglio della cucina italiana per prepararsi al “grande salto”: il tirocinio di almeno 4 mesi nei ristoranti stellati, che per molti degli allievi delle passate edizioni è stato il trampolino di lancio della loro carriera.
L’inaugurazione sarà aperta dall’intervento del presidente del Comitato Scientifico del Master della cucina Italiana Sergio Rebecca, che illustrerà le numerose novità dell’edizione di quest’anno, seguito dal saluto degli altri membri del Comitato: lo chef  Massimiliano Alajmo (3 stelle Michelin), Raffaele Alajmo (Ceo di Alajmo Spa) e il medico Mauro Defendente Febbrari. Ad ogni inaugurazione, poi, viene invitato un ospite speciale, che quest’anno sarà il fotografo, illustratore e pittore Gianni Renna, con un atteso intervento proprio sul tema “Oltre l’immagine”.
Momento clou dell’inaugurazione sarà poi la consegna degli attestati di partecipazione agli allievi del Master della Cucina Italiana 2017, che hanno  superato i tirocini in alcuni dei più importanti ristoranti italiani e ora si avviano a continuare il loro personale percorso di cucina. 

Lascia un commento

Rispondi